Intelliscienza - Intelliscienza

Intelliscienza di Paola Caruso

RSS Feed

Ops, i neutrini non sono più veloci della luce

Niente da fare: i neutrini non sono più veloci della luce. La notizia, riportata dal sito di Science Magazine, è rimbalzata in fretta su tutti i canali d'informazione scientifica e non. Pare che a frenare la supervelocità dei neutrini sia stato un banale errore umano. Colpa di una connessione, un cavo di fibra ottica, tra il Gps e il computer che ha falsato la misurazione. In realtà, quei 60 nanosecondi, misurati dall'esperimento Opera del Gran Sasso, che rendevano i neutrini più veloci della luce, sono soltanto il frutto di un calcolo errato, come dice Science, specificando che la news dell'errore arriva da fonti vicine a chi ha fatto l'esperimento. Probabilmente bisogna ripetere la procedura per corfermare questa affermazione.  E così, mi tocca rettificare di nuovo una notizia, per la seconda volta da quando ho questo blog, avendo pubblicato due post sull'argomento. Anche se, in verità, il primo, «Neutrini in discussione», riporta un'aspra critica all'esperimento, espressa dai fisici della Cornell University. Nessun comunicato stampa mi è arrivato dall'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn). Almeno per il momento. La Rete, in questo caso, è stata più veloce a dare la comunicazione.

Aggiunta del 23 febbraio
La nota stampa dell'Infn è arrivata questa mattina alle 9.48. Parla di due effetti che potrebbero aver alterato i risultati: «Il primo è legato all’oscillatore usato per produrre i “time-stamp” degli eventi tra due sincronizzazioni col sistema GPS. Il secondo riguarda la connessione della fibra ottica che porta il segnale GPS al “master-clock” del rivelatore». 
E precisa: «I due effetti possono modificare il tempo di volo dei neutrini in senso opposto. Nel continuare le investigazioni in corso, la Collaborazione intende realizzare una ulteriore misura della velocità dei neutrini appena un nuovo test con il fascio di neutrini “bunched” sarà possibile nel corso del 2012»

Commenti

Questa è come la storia della farfallina di Belen e del bosone di Higgs. Tutti credevano di avere visto qualcosa e prontamente sono stati smentiti. Il vedo e non vedo pare funzioni adesso anche per la scienza. All'insegna dell'importante è "tirarsela"!
Caro Mario, confesso di non essermi occupata della farfallina di Belen. Ma gli studi sul bosone non sono stati ancora smentiti. Staremo a vedere. Io tendo a dare fiducia ai fisici italiani che studiano il bosone. Grazie del commento :)
Forse è ridicolo contraddire il grande Einstein, ma la teoria che riguarda la velocità della luce non la posso condividere. La mia logica mi spinge di oppormi verso tutti gli scienziati che sostengono che non esiste nessuna materia che possa avere una velocità oltre a quella della luce. Mi piacerebbe lanciare solo una domanda verso tutti, in attesa di una logica risposta. “Se una materia che deve viaggiare con la velocità della luce, secondo voi il meccanismo delle sue particelle non raggiunge una velocità superiore della detta materia, cioè una velocità superiore di quella della luce?” Se le particelle della detta materia hanno un meccanismo della stessa velocità o di una minore, queste si disintegrano subito, quindi, loro meccanismo deve sviluppare una velocità superiore di quella della luce. In ogni caso ciò che crea o lancia una materia con la velocità della luce ha una velocità superiore, di conseguenza oltre a quella della luce. Dorotea Assenova Trifonova http://www.facebook.com/#!/dorotea.assenova.trifonova
Cara Dorotea, la tua domanda è molto interessante. Il problema è dimostrarla... credo. Grazie del commento :)
In generale si dimostrano le teorie e chi vuole sostenere una cosa, io semplicemente faccio una domanda per capire meglio.
Tenderei, in ogni caso, a distinguere le dichiarazioni rilasciate dal team di OPERA ('abbiamo delle discrepanze nei dati raccolti, ci aiutate a capire il motivo?') da quelle riportate nei quotidiani ('i neutrini viaggiano a velocità superiori a quella della luce').